Chiudi questa finestra
2015 - 19 luglio - Il grande concerto sui prati di Pozzole
Il giorno del trentesimo anniversario della catastrofe, alle ore 16, SOUVENIR D’UN LIEU CHER, è il titolo del concerto di musica classica in onore delle vittime della Val di Stava.

Il concerto è confermato sui prati di Pozzole con puntuale inizio alle ore 16.

Il concerto presenta un programma dedicato al ricordo di un luogo caro, “Souvenir d’un lieu cher” ed è un incontro unico e straordinario non solo tra artisti di fama internazionale ma anche di generi soltanto all'apparenza inconciliabili: la musica classica dal barocco al contemporaneo, il jazz e le note di un grande violinista. Eppure, come accade nella natura, è l'apporto di vite differenti a creare la meraviglia.

In questo caso ne scaturisce un viaggio quasi fatato capace di raccontare i luoghi, l'uomo, i ricordi, il futuro, tutto segnato da un atteggiamento di amore verso ciò su cui l'occhio si posa. E la musica, che alla base ha il suono e gli elementi naturali di cui sono composti gli strumenti, si conferma uno dei linguaggi che maggiormente riescono a riportare l'uomo a contatto con il mondo e l'ambiente. Un legame che anche questo concerto ribadisce con musiche di Vivaldi, Trovesi, Tchaikovsky, Piazzola, Geminiani, Wienawsky, Nyman scelte per ricordare e commemorare i tragici avvenimenti di Stava a trent'anni di distanza in un concerto che si rifà nella sua composizione ai celebri "Suoni delle Dolomiti". Un momento di ricordo sì ma anche di rinnovato impegno a una gestione corretta del territorio, rispettosa dell'ambiente e della gente che lo abita.

Tra i protagonisti di questo evento sonoro Ilya Grubert che fin dal suo debutto all'età di 14 anni è entrato, a ragione, nel novero dei più grandi interpreti mondiali del violino aggiudicandosi il Paganini di Genova e il Tchaikovsky di Mosca, esibendosi come solista delle più importanti orchestre mondiali e collaborando con direttori del calibro di Gennady Rozhdestvensky, Mariss Jansons, Dmitry Kitajenko, Maxim Shostakovich. Al suo fianco anche un'icona del jazz come Gianluigi Trovesi che pone da sempre al centro del proprio universo espressivo l’incontro fra jazz e musica europea, sia colta che popolare, fra tradizione e modernità, trasportando in musica memorie e storie intime e generazionali, vivificandole di uno spirito internazionale.

Completano questo particolare ensemble i Virtuosi Italiani diretti da Alberto Martini, una delle orchestre più versatili e vitali del panorama musicale italiano, in grado di attraversare con competenza non solo le varie epoche della musica classica ma anche di cibarsi e, allo stesso tempo, offrire spunti agli altri generi sonori.

Il concerto è promosso dall’Associazione 19 luglio val di Stava ed è organizzato dalla Provincia Autonoma di Trento in collaborazione con la Fondazione Stava 1985 Onlus e il Comune di Tesero.

Appuntamento:
Domenica 19 luglio 2015 – ore 16 - Prati di Pozzole
In caso di pioggia ore 21.00 - Cavalese - Centro congressi


Per le escursioni guidate sul sentiero sul monte Prestavèl che precedono il concerto consultare il link sotto riportato.

La strada che da Stava porta verso il bivio con Lavazè sarà in senso unico a salire dalle ore 11 alle ore 19 per permettere parcheggio regolamentato a lato della carreggiata.
Dalle ore 15.45 alle ore 17.45 la strada sarà chiusa al traffico.

In allegato il pieghevole e il programma del concerto.

Link di riferimento: Allegati: Admin
http://wos.stava1985.it/x-net/stava1985_it/www/wo_news/Storage/20150621_022633/ Concerto - [application/pdf] Programma - [application/pdf]